Dante Regazzoni header
Biografia Dante Regazzoni Biografia Dante Regazzoni Biografia Dante Regazzoni Biografia Dante Regazzoni

Biografia

Dante Paolo Regazzoni
Cortenova Valsassina 20/09/1916 - Lecco 12/03/1999

Dante Regazzoni nasce a Cortenova in provincia di Lecco nel 1916.
Incomincia la sua ricerca in Valsassina poco più che ventenne, da autodidatta, in un periodo storico dove solo la “passione” poteva supplire la carenza di mezzi di sostentamento e di comunicazione.

Nel 1953 si iscrive all’ANLAI e inizia una fitta corrispondenza, che si protrarrà diversi anni, con il Prof. Gioacchino Pasqualini, presidente “storico” dell’associazione, che gli fornisce tra l’altro modelli e misure per iniziare una vera e propria attività nel piccolo laboratorio di via A. Volta a Cortenova.
Nello stesso periodo si attiva il sodalizio con Leandro II e Giacomo Bisiach protratto per oltre quarant’anni, fino alla scomparsa di quest’ultimo nel 1995. Frequentando il famoso laboratorio di corso Magenta a Milano, viene in contatto con alcuni tra i principali liutai che, insieme ai fratelli Bisiach, hanno caratterizzato la liuteria lombarda della prima metà del novecento tra essi Gaetano Sgarabotto, Giuseppe Stefanini, Ferdinando Garimberti. (Meeting New York 1989)

Nella seconda metà degli anni cinquanta, grazie anche all’aiuto e all’amicizia con alcuni dei liutai più noti all’epoca quali Sesto Rocchi e Giuseppe Lucci, inizia a costruire un buon numero di strumenti originali che sempre più esprimono la sua personalità di liutaio, schietta e semplice, ma forte ed elegante al tempo stesso.

Negli ultimi trent’anni della sua vita Dante Regazzoni ha continuato a lavorare nella natia Valsassina in modo riservato e modesto, schivo da ogni rumore pubblicitario, creando molti strumenti: violini, viole, tre violoncelli e due chitarre.

Concorsi, Premi, Diplomi

1954

Partecipa con un violino al II Concorso Nazionale di Liuteria Contemporanea - Roma e viene ammesso.

1955

Espone un violino alla Mostra Nazionale della Liuteria Moderna - Ascoli Piceno.

1956

Partecipa con in violino e una viola al III Concorso Nazionale di Liuteria Contemporanea - Roma e ottiene i seguenti riconoscimenti:
1° - graduatoria gruppi strumenti (violino e viola)
2° - graduatoria viole
13° - graduatoria violini e i relativi premi:
Medaglia d’oro dell’ "Accademia Nazionale S. Cecilia" al duo (violino e viola)
Premio acquisto della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la viola ora al Museo degli strumenti musicali dell’Accademia S. Cecilia.

1957

Partecipa con un violino al Concorso Internazionale Liutistico "Wienawski-Wettewerb" - Poznam (Polonia) risultando primo degli italiani, a pari merito con Otello Bignami.

1958

Partecipa con un violino alla II Mostra del Violino Antico e Moderno - Pegli (Genova). Partecipa al Concorso di Maestro Liutaio presso la Scuola Statale Internazionale di Liuteria di Cremona. Risulta fra i sei finalisti.

1959

Partecipa con una viola alla Mostra Internazionale di Liuteria dedicata alla Viola Moderna - Ascoli Piceno. Così raccontava il Regazzoni ai suoi figli:
“Quando in mia presenza i liutai facenti parte la commissione aprirono la cassetta, rimasero meravigliati a tanto e subito la classificarono provvisoriamente fra le prime cinque. I liutai Garimberti e Ornati però, sapendomi già premiato al concorso di Roma del ’56, trovarono la scusa che non ero iscritto all’Albo degli Artigiani. Mi ritrovai così al quindicesimo posto, con il premio del Ministero Industria e Commercio, purchè iscritto all’Albo degli Artigiani. Dovetti far constatare all’ANLAI che la cosa non era fatta con giustizia. Alla fine tennero conto delle mie considerazioni e ricevetti il premio e il diploma”.

1968

Partecipa con una viola alla I Rassegna Mostra di Liuteria Moderna - Bagnocavallo e riceve un diploma di partecipazione e di merito.

1976

Partecipa con un violino e due viole alla I Triennale Internazionale degli Strumenti ad Arco - Cremona.